casetta - bungalow

Bungalow e case mobili su pianale: dove si possono installare e quali permessi richiedere

Che differenza c’è tra casetta in legno (bungalow) e una casa mobile su pianale

Da qualche anno in Italia è arrivato il boom delle casette in legno dette anche bungalow e delle case mobili su pianale. Negli USA queste strutture si usano già da molti anni e vengono utilizzate sia per scopi turistici ma anche come abitazioni permanenti che non necessitano di particolari permessi. Ma vediamo come funziona l’utilizzo di queste strutture in Italia.

Le strutture abitative temporanee si suddividono in:

  • casette di legno o bungalow: montati direttamente a terra su terreni edificabili, villaggi turistici o campeggi;
  • case mobili montate su pianali con carrello omologato: esse non sono ancorate al terreno ma costruite su appositi carrelli omologati che ne permettono lo spostamento su strada.

La tipica casetta in legno detta anche bungalow è sostanzialmente un alloggio stagionale, temporaneo, ideato per non essere spostato (pur essendo trasportabile). Non presenta vincoli particolari per ciò che riguarda la realizzazione. Nei camping, villaggi turistici e strutture ricettive all’aperto in generale possono essere installate nelle zone di pertinenza, purchè possano essere spostate con facilità. Nel caso di installazione su un terreno privato, invece, è indispensabile ottenere la concessione edilizia, come avviene per un prefabbricato fisso, oltre a dover rispettare le norme riguardanti l’abitabilità (ad esempio l’altezza minima di 2.70 metri).

La casa mobile installata su un pianale omologato (rimorchio per trasporto di cose) può essere della larghezza massima di 2.50 mt. La norma stabilisce che la struttura non deve sporgere ne in lunghezza ne in larghezza rispetto al rimorchio e deve rispettare i vincoli per quanto riguarda bilanciamento, altezza e peso. La maggiore limitazione per questa soluzione abitativa è solo la revisione periodica che deve essere fatta sul rimorchio scarico, ciò significa che la casetta deve essere smontata. La prima revisione deve essere fatta dopo 4 anni mentre le successive ogni due anni. Attenzione però, l’obbligo di revisione sussiste solo per quelle case che viaggiano realmente su strada. Per le strutture ricettive all’aperto, questa soluzione presenta meno vincoli restrittivi rispetto ad un caravan.

Case mobili: i regolamenti regionali sono vincolanti

Per quanto riguarda il posizionamento di case mobili su terreni privati, le singole regioni hanno regolamentazioni a se stanti ed è per questo che la strada migliore da percorrere è chiedere maggiori informazioni a riguardo presso gli uffici di competenza locali, considerato che le leggi possono variare a seconda della zona in cui pensate di installare la casetta.

In linea generale è possibile affermare che la casa mobile su carrello omologato:

  • non necessita di autorizzazioni per il posizionamento a patto che non sia ancorata al terreno in via definitiva e che non sia utilizzata come abitazione permanente.

Precisiamo che nel caso si facciano allacci alle utenze (luce, gas, acqua…), il manufatto non risulterebbe più mobile ma fissato al terreno e quindi sarebbe necessaria l’autorizzazione, come per una casa normale.

L’omologazione può essere fatta anche in seguito all’acquisto o in concomitanza ad esso.

Quanto costa un pianale omologato?

Il prezzo del pianale varia in base alla dimensione, ve ne sono dei modelli per strutture inferiori a 2.5 metri chiamate “sagoma” e superiori a 3 metri. In entrambi i casi è necessario acquistarlo della misura esatta per rendere l’abitazione idonea alla circolazione su strada. Per strutture di dimensioni superiori a 3 metri, si tratta di trasporto eccezionale senza scorta.

In linea di massima il costo di un pianale omologato varia da 2500 a 4000 euro. È possibile trovarne anche di usati in commercio, a partire da 1000 euro in su.

Il consiglio è comunque quello di verificare la disciplina urbanistica locale sia nel caso si case mobili su carrello omologato che non, prima di effettuare scelte che potrebbero costarvi multe salate.